Schermi e processori Xiaomi Cosa c’è ancora da scoprire?

È proprio così infatti che ci siamo lasciati qualche giorno fa, con una nuova scoperta da fare. Dopotutto l’importante era creare suspense e a quanto pare ci siamo riusciti. A giudicare dai messaggi con cui ci avete bombardato sui social e come abbiamo risposto a TUTTI eccoci qui Lunedì 16 Novembre alle 9.30 spaccate per svelare un altro punto importante nel nostro viaggio nei meandri di Xiaomi. Oggi partiamo dall’analisi degli schermi per arrivare ai fatidici processori Xiaomi.

Scopriamo insieme i segreti di uno dei brand più interessanti sul mercato: Xiaomi

Iniziamo

Schermi: AMOLED OLED E LCD

Vi avevamo lasciato rimuginare su una “semplice” domanda: dove trova i materiali?

Prima di tutto è bene chiarire cosa intendiamo, perché abbiamo notato che il senso non è stato colto in pieno. Ciò che nelle prossime righe andremo ad analizzare riguarda scoprire dove l’azienda cinese si appoggia per la produzione dei propri device. O ancora meglio da chi acquista i componenti, per esempio, e con questo entriamo definitivamente nel discorso, gli schermo AMOLED dei cellulari Xiaomi sono forniti dall’azienda più importante che sia presente in tutto il mercato per questo ambito: Samsung.

Lo sapevate? Cosa più interessante è però che negli ultimi anni anche la compagnia coreana sta iniziando ad avere seri rivali, infatti oltre alla storica LG, in Cina stanno aumentando le aziende che possono pareggiare la qualità di Samsung. In particolare per gli schermi OLED l’accordo è stato stretto con Dalian Zhiyun Automation Company, a sua volta molto vicina a ad aziende quali la BOE (che, per intenderci, è l’azienda che fornisce gli schermi alla huawei per l’ultimo modello, P40).

schermi e processori xiaomi

Processori Xiaomi

Riguardo l’argomento aziende è meglio interrompersi subito rischieremmo, in caso contrario di andare avanti per diverse ore uscendo completamente dal focus. Per chi fosse interessato: fatecelo sapere, saremo contenti di raccontarvelo in separata sede magari con un articolo apposta o un video ben strutturato.

Detto questo parliamo dei processori Xiaomi… Vi starete chiedendo perché questo appellativo dopo tutto non sono i suoi, questo è vero ma solo per ora. Infatti pare che l’azienda si stia muovendo nella direzione di una produzione di un processore proprio. Si tratta del Surge S1, anche in questo caso si appoggerebbe comunque a qualcuno, nello specifico Pinecone: ovvero un ente privato a Pechino attraverso il quale ha acquisito la tecnologia mobile di Leadcore, una filiale nello stato cinese di Datang Telecom. L’azienda mira a massimizzare l’esperienza degli utenti, ottimizzando l’integrazione di hardware e software sul proprio dispositivo piuttosto che dipendere da fornitori terzi.

Detto questo per ora la totalità degli smartphone Xiaomi (salvo qualche eccezione) presentano, come vi sarete sicuramente resi conto, chip Qualcomm. Abbiamo già trattato in passato questi processori: clicca qui. Riassumendo possiamo dire che sono ottimi, in assoluto fra i migliori. Forse secondi, solo in ambito di software fotografici all’A14 Bionic, ultimo processore della Apple.


Anche per oggi ci fermiamo qui, speriamo di avervi interessato. Non pensiate però che sia finito qua! Ora abbiamo tutti i presupposti per porci un ultima domanda, forse la più interessante di tutte:

Se non è lei a produrre i componenti, ricordate che abbiamo parlato solo di schermi e processori ma questo vale per molti altri dei pezzi, dove li assembla? A che prezzo? E soprattutto, dovendo sostenere le spese per l’acquisto e per l’assemblaggio, come fa a non costare ALMENO quanto gli altri brand? Tutto ci fa pensare che ad ogni acquisto questa azienda possa andare in perdita e invece in pochi anni è una delle aziende con più fatturato in tutto il mondo.

Work in Progress

A breve le risposte a tutte le vostre domande

Main page on Instagram: click here.

NOI GUARDIAMO AL FUTURO

0 thoughts on “Schermi e processori Xiaomi Cosa c’è ancora da scoprire?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *